Vibrazioni: chi ci sta vicino le sente?

vibrazioni-chi-ci-sta-vicino-le-sente-viaggio-astrale viaggioastrale.itDomande legittime sulle vibrazioni

Nel primo periodo della mia esperienza come viaggiatore astrale mi sono chiesto tante volte se le persone o gli animali domestici accanto a me potessero avvertire le mie vibrazioni. Il fatto è che le vibrazioni, spesso, sono talmente forti che il dubbio, specialmente all’inizio, viene sicuramente. Con il tempo e con gli esperimenti ho trovato la risposta che cercavo.

La pennichella con gli amici

Mi è capitato molte volte in passato di dover condividere una postazione di riposo con altre persone o animali, facendo un esempio banale: un viaggio in treno con amici a fianco. In alcuni casi oltre alle vibrazioni ho avuto anche esperienze complete di viaggio astrale. Molte volte ho rinunciato per paura che chi mi fosse accanto sentisse il rumore delle vibrazioni o il forte tremolio ad esse associato.

Pensieri lontani e pensieri vicini

Pensandoci adesso, sorrido e quasi sono stupisto di me stesso per aver pensato certe cose. Allora, nel pieno delle mie ricerche da novizio, il dubbio c’era.

La conferma

Dopo diversi confronti avvenuti subito dopo le vibrazioni ho avuto conferma che mai in nessun caso qualcuno ha avvertito qualcosa. Anni fa avevo un gatto che dormiva spesso arrotolato lungo i miei fianchi o le gambe, si dice che gli animali siano molto sensibili, ma anche in quei casi il gatto ha sempre continuato a dormire tranquillamente.

Sono esempi banali ma è la realtà di tutti i giorni, quella con cui ci confrontiamo lungo la nostra crescita. I riscontri li ho avuti svegliandomi volontariamente subito dopo lo stato vibrazionale.

La verità dello stato vibrazionale

In realtà, anche senza cercare conferme, era logico ipotizzare che le vibrazioni fossero parte del piano astrale o comunque del mondo sottile quindi non riscontrabili sul piano fisico. Nonostante a volte lo stato vibrazionale sia talmente forte da destare preoccupazione non avrà mai effetto sul corpo fisico.

Vi ricordo che sul nostro forum c’è intera sezione dedicata alle vibrazioni con centinaia di discussioni.

4 Commenti

  1. Mariam

    Ciao, vorrei portare la mia esperienza.
    Ho 27 anni e ho queste fortissime vibrazioni spontanee, da più di 10 anni, quando vado a dormire. Non credo di essere mai stata in astrale: Il problema è la paura, mi spavento così tanto che tento di svegliarmi subito, ma spesso sono paralizzata perché comunque sono in uno stato profondo di rilassamento ed il mio corpo è pronto per sognare. Difatti quando mi lascio andare mi capita di essere catapultata in uno dei miei frequentissimi sogni lucidi.
    Quando invece sono molto spaventata decido di svegliarmi durante le vibrazioni, con un certo sforzo fisico, mi capita di tremare davvero, ma solo quando cerco di muovere il mio corpo paralizzato. Mentre sento le onde vibrazionali, anche se percepite da me in maniera fortissima e rumorosa, la mia compagna non vede il mio corpo tremare, ma solo nella fase successiva del risveglio che lei ovviamente può confermare dormendo con me.
    Che cosa ne pensi? Puoi darmi un consiglio? Padroneggio molto bene la realtà all’interno dei sogni lucidi, riesco a creare forme, oggetti, modificare il mio corpo, volare, interagire con gli altri personaggi ma solo nei miei sogni (che sembrano più che reali), sento il mio corpo muoversi durante la probabile uscita, ma non riesco ad alzare la parte della testa, mi rimane incollata al corpo!
    grazie
    saluti

  2. acronimo

    Ciao Mariam, grazie per la tua condivisione.

    Benissimo, hai già una buona base di partenza, presto risistemerò un vecchio articolo che parla di come usare i sogni lucidi per uscire in astrale e nel frattempo ecco cosa puoi fare: estremizza!

    Ti spiego, quelle volte che sei tranquilla e accedi ai sogni lucidi cerca di creare scene estreme, ad esempio se sei in auto cerca di accelerare il più possibile, crea una bomba e falla esplodere, buttati da un precipizio, crea qualcosa che mandi in tilt il il normale stato delle cose. Creare un’incongruenza ti catapulta nello stato vibrazionale o comunque nello stato di uscita.

    Quando ti ritroverai o ti ritrovi nello stato vibrazionale non pensare ad alzare la testa, non pensare al tuo corpo in nessuna maniera. Sei già distaccata o disallineata dal tuo corpo, non devi fare sforzi o idealizzare sforzi per uscire, lascia tutti i pensieri da parte. Svuota la mente, allevia le tensioni, non dovrai muovere i muscoli per volare, non dovrai fare nulla.

    Ti riporto un’estratto dell’articolo che uscirà il 17/11 su questo blog, ti consiglio di leggerlo appena uscirà:
    ——————————————————–
    Lottare contro se stessi per accettare il paino astrale

    In un luogo in cui il concetto di fisicità non ha più senso e giunti in quel luogo con un bagaglio culturale prettamente fisico ci si trova spiazzati e fortemente vincolati. E’ propio necessario respirare? Guardare con gli occhi? Camminare con le gambe?

    Il muro da abbattere è il clichè della vita fisica, spiccare il volo è tanto semplice come soffiare ad una piuma ma bisogna capire che soffiare non è necessario, basta pensarlo, idealizzarlo e perchè no, trasformarlo in qualche concetto nuovo. Hai presente il bradipo? Ecco ritrovarsi a terra trascinandosi faticosamente come un bradipo è qualcosa che può succedere quando allo stesso tempo volare è altrettanto semplice, basta farlo e non cercare di farlo. Il mondo astrale ti può dominare come vuole se tu permetti ad esso di farlo, il fatto è che sei tu stesso a riempirti di limiti propio perchè sei abituato a farlo.
    ———————————————————

  3. Mariam

    Grazie per la tua risposta tempestiva, è così bello avere finalmente un confronto!

    Quelle volte che mi lascio andare percepisco le vibrazione aumentare al punto da sentirmi esplodere e trascinare a velocità altissima lontano, sento come se il mio corpo fosse tempestato da un turbine di energia che mi trasporta e difficilmente riesco ad ovviare a questa “fase”.
    Solo in due occasioni sono uscita da questa situazione di trascinamento ultrasonico: la prima ero nella mia stanza (dopo aver fisicamente rotolato per cercare un equilibrio per stare eretta) ma guardando il mio corpo l’ho visto diverso e ho pensato fosse un sogno lucido, ricordo di non aver mai avuto un sogno lucido così vivido e reale, mi commossi dalle meraviglie dei dintorni di casa mia, del volare, del cielo così luminoso e stellato. della sensazione di realtà che è superiore alla realtà stessa, ecc.
    La seconda volta mi ritrovai nello spazio! E pensai ad un sogno lucido anche lì, ricordo proprio di aver fluttuato nel vuoto cosmico e di essere circondata da miliardi di corpi celesti luminosi, era meraviglioso, piansi di gioia e alla mia domanda “sono nello spazio?” una voce mi rispose all’istante nella mente. Sentii infatti la presenza di 3 esseri ma il vortice mi riprese di nuovo e mi ritrovai sveglia, nel mio letto ma con una sensazione di carica pazzesca.

    Gli altri sogni lucidi sono meno intensi, ma ovviamente faccio le cose più assurde, volo, test di realtà, sesso (spesso), non mi capita mai di guidare o fare esplodere bombe perché vivo i miei sogni lucidi come qualcosa di scientifico, spesso interrogo i personaggi per sapere se sanno di essere una proiezione onirica. Altre volte materializzo delle porte, ed entrando, lascio che mi portino in posti casuali. Una volta entrai in un laboratorio e le persone presenti si girarono subito verso di me, io mi spaventai molto perché il mio udito era come reale, sentivo i rumori dell’aria, dell’ambiente e non mi era mai capitato. Ricordo di essere inciampata in quel laboratorio appena pensai “cazzo ma questo è un posto reale” e mi risvegliai all’istante.
    Ma seguirò il tuo consiglio e spaccherò qualcosa di grosso la prossima volta!

    E la prossima volta ignorerò la sensazione della mia mano che si muove, o delle gambe ma penserò solo ad uscire. Infatti ogni volta mi blocco perché mi sembra di vedere male, o sfocato, o di avvertire dolore (che ovviamente sparisce al risveglio).

    Mi sono iscritta al forum, spero di poter trovare consigli e risposte perché capisco che questo luogo non è il più adatto dove confrontarsi!
    Grazie per il vostro bellissimo lavoro, finalmente mi sento compresa.
    A presto

  4. acronimo

    “Trascinamento ultrasonico”, davvero una bella definizione e comprendo alla perfezione di cosa parli. Ti riporto qui sotto una mia esperienza del 2008 che riprende alcuni aspetti della tua:

    ——————————————————————
    Questa notte dopo un inizio di visione in trasparenza è iniziata un’uscita dal corpo, l’esperienza si è sviluppata in verticale con il corpo astrale che uscendo ha iniziato ad accelerare verso l’alto per centinaia di metri sino ad avvertire il cielo e le nuvole attorno a me. Ero contento e soddisfatto perché dopo tanto tempo finalmente si stava presentando un’esperienza valida quando ho avvertito la sensazione di essere sfiorato alla gamba (forse le coperte sul corpo fisico) e mi sono spaventato con conseguente rientro immediato nel corpo fisico.
    ——————————————————————-

    Curioso come interagisci con i sogni lucidi, io li ho solo sempre usati come tramite, non mi sono mai soffermato ad esplorarli. Li vedo come trappole oniriche per la coscienza, una sorta di velo che ci mettiamo attorno durante un viaggio astrale, ma tutto può essere.

    Ho letto con ammirazione quello che hai scritto perchè mi hai fatto ricordare tante cose, come la stupenda sensazione di energia che ti rimane addosso per giorni dopo quelle esperienze meravigliose o le difficoltà avute nel dirigere il corpo astrale in alcune occasioni.

    La sensazione di realtà che si prova durante un vero viaggio astrale è praticamente assurda, quando torni nel corpo dopo aver sperimentato quella “reale realtà” sembra quasi di sprofondare in un sogno ma è la vita di tutti i giorni. Quella realtà è più reale della realtà fisica.

    Grazie ancora per i tuoi racconti, confrontarci serve a crescere e condividere aiuta tutti.

Rispondi