SCOMMESSA COL CORPO ASTRALE

POST ARCHIVIO
12/10/2005 SCOMMESSA COL CORPO ASTRALE…
Autore: acronimo
Bene, c’è sempre un certo non so che di titubanza nello scrivere un nuovo post e nel cominciare a pubblicare un blog o meglio un diario di bordo…. c’è gia un mio diario all’interno del forum di viaggioastrale.it ma credo che questo blog mi dia la possibilità di renderlo un po’ più vasto e dettagliato, oltre che essere poi una fonte ed un archio allo stesso tempo per le considerazioni di tutti i giorni. In oltre sarà un testo ipertestuale che mettera in comunione il sito, il forum, il diario virtuale e cartaceo ed il blog allo stesso tempo ricco di riferimenti anche agli utenti del forum Sicuramente avrà una struttura più comprensibile e definita nel tempo. (le ultime parole famose ).E’ da un mesetto e forse più che mi sono allontanato dal viaggio astrale, all’inizio con dispiacere, poi con un senso di liberazione, ma inevitabilmente è tornato a bussare alla mia porta… a partire dalle vibrazioni devastanti dell’altro giorno . Diciamo che cominciava a mancarmi il forum, le arrabbiature per i post nelle sezioni sbagliate, le preoccupazioni per le discussioni troppo accese, le belle sensazioni del viaggio, la sperimentazioni, le riflessioni e tutto il resto… Il fatto è che quando ti allontani è poi inizialmente difficile tornare ad avere esperienze come prima nell’immediato, ma diciamo che ci rivuole un po’ di riallenamento, un po’ di immersione.Ho aperto un blog…che ci scrivo che ci faccio? Mi sono allontanato dal viaggio astrale e cosa potrò mai scirvere ancora? Questo è quello che pensavo ieri sera. Allora ho fatto una scommessa con me stesso, o meglio un patto: se stanotte esco dal corpo ricomincio tutto da capo e mi riavvicino al viaggio astrale. Ovviamente come da oltre 10 anni a questa parte e come ho gia scritto sul forum sembra che quando mi allontano il viaggio astrale mi rincorra e quando sono io a rincorrerlo lui sia llontana. Insomma un corri e fuggi che dura da oltre 10 anni. Tutte le volte che lo rinnego lui mi viene a bussare prepotentemente alla porta e se non gli apro la butta giù….Patto stabilitò in pieno!! Siamo ben lontani dai bei tempi in cui quasi tutte le notti erano scintille e meraviglie, ma ieri sera mi sono addormentato semplicemente con il patto in testa. Boooommmmm stanotte ho preso coscienza sono scivotato fuori dal corpo e sono finito sul pavimento. Cosa volevo pretendere di volare? Evidentemente avevo pochissima energia, nessuna prerespirazione prima di andare a dormire ed influenza in corpo, oltre ad essere ormai poco abituato. Diciamo che per camminare, anzi per trascinarmi sul pavimento facevo una gran fatica, mi tiravo avanti con le braccia, strisciando tipo militare in guerra. La luce era crepuscolare e i condizionamenti psicologici del mondo fisico assai evidenti. Mi trascino attorno al letto con molta pesantezza sino ad arrivare alla porta tra la camera da letto e la sala, il livello di energia è davvero basso, ma molto basso!!! Arranco tra la camera e la sala ma inevitabilmente vengo risucchiato nel corpo fisico rimanendo per qualche istante con la vista in trasparenza dopo di che mi sveglio, rifletto un po’ tornando alla storia del patto e poi un po’ impaurito mi rimetto a dormire

 

Rispondi