Intento e Vibrazioni: la scoperta del viaggio astrale.

30/10/2005 Intento e Vibrazioni: la scoperta del viaggio astrale.
Autore: acronimo

C’era un tempo in cui ignoravo le vibrazioni e c’era un tempo in cui ignoravo il viaggio astrale. Come mai se non per rari casi spontanei chi si avvicina al viaggio astrale improvvisamente avverte sintomi e sensazioni cui prima semplicemente ignorava? Suggestione? Desiderio? Pazzia?
La risposta è: INTENTO di cui dal vocabolario di virgilio.it abbiamo la seguente definizione:
intènto (sostantìvo): intènto (sostantìvo)
s. m. il fine diretto a cui si tende, si mira, fermo orientamento della volontà verso un determinato fine (equivale a “intenzione”, ma ha sempre sign. reciso, mentre “intenzione” può riferirsi anche a proposito vago, irresoluto)
ant. attenzione, l’oggetto cui essa si volge.

Colui che sino a quel momento, cioè siao a che non era entrato a conoscenza del viaggio astrale, non aveva mai posto la propria attenzione verso alcuni particolari, non avrebbe mai avvertito neanche le vibrazioni. Affermiamo pure che ignorare l’esistenza di qualcosa ne escude l’esistenza stessa, almeno per chi ne ignora la concretezza. Ecco perchè avvicinarsi al viaggio astrale porta con se la conseguenza di avvertire le vibrazioni e tutta quella serie di fenomeni compresa l’uscita dal corpo, cui prima non si dava attenzione, cui prima si ignorava l’esistenza.
Concretizzando: studiare e approfondire l’argomento del viaggio astrale non porta a sviluppare facoltà straordinarie ma porta alla luce esperienze di cui da sempre abbiamo ma di cui da sempre ne abbiamo ignorato l’esistenza. Ecco che dopo un po’ che parliamo di aviaggio astrale e vibrazioni, come per magia compaiono le nostre prime vibrazioni “coscienti” e sottolineo “coscienti” perchè sino a quel momento le abbiamo sempre avute ma in modo incosciente. Andare a dormire con “l’intento di avere un viaggio astrale” porta con se la possibilità di avere un viaggio astrale, perchè in quel caso saremo vigili di noi stessi mentre il corpo sprofonda nell’incoscienza.
Un’altra battaglia per portare alla luce quello che ci accade durante la notte è lo scontro diretto con la nostra razionalità e con l’inconsistenza vacua con cui svaniscono i ricordi dei sogni/viaggi astrali al nostro risveglio ed anche la convinzione una volta svegli che le nostre esperienze notturne siano stati solo semplici sogni! NO! non facciamoci fregare da noi stessi! La risposta è: INTENTO.

Rispondi